Tell me “Wy”

Chiavari, cittadina ligure con meno di 30 mila abitanti nell’area metropolitana di Genova, da qualche anno è balzata agli onori delle cronache grazie alla sua squadra di calcio.

La Virtus Entella – dal nome del fiume che bagna Chiavari – milita con discreto successo nel campionato di Serie B. Tutto questo grazie allo spirito manageriale del presidente Antonio Gozzi, imprenditore dell’acciaio.

Chiavari, in ogni caso, non è soltanto l’Entella. E’ anche una città molto vivibile in cui ha sede una delle aziende italiane più in del momento: WyScout, leader nello scouting professionale per il calcio. WyScout, per incentivare anche altri startupper a percorrere le sue orme, ha inoltre dato vita al WyLab, un incubatore per nuove imprese tecnologiche nel settore sportivo. A Chiavari, quindi, non solo si fa calcio ad alto livello con la squadra cittadina, ma grazie a “Wy” si punta forte sui big data per incrementare l’approccio scientifico al football, sviluppando prodotti sempre più innovativi. Andiamo con ordine.

Wyscout, da piccola startup a leader mondiale

WyScout, nata nel 2004, è una piattaforma di scouting calcistico creata da tre giovani italiani – Matteo Campodonico,  Simone Falzetti e Pier Saltamacchia, allora studenti all’incirca venticinquenni – consistente in un gigantesco database con video e informazioni che riguardano i calciatori di tutto il mondo (oltre 300 mila, dato in continuo aumento). Oggi la società fattura 7 milioni all’anno e annovera 300 dipendenti, di cui 80 in Italia. Ha sedi a Sofia e Dakar.

WyScout viene utilizzato dai più prestigiosi club calcistici, oltre 500, tra cui Barcellona, Juventus, Milan, Ajax, Atletico Madrid, Arsenal Benfica, Bayern Monaco, Bayer Leverkusen, Boca Juniors, New York Red Bulls e oltre 4000 tra allenatori, dirigenti, arbitri, agenti e soprattutto calciatori professionisti, che usano la piattaforma per studiare i loro avversari. E’ diventato uno strumento di lavoro indispensabile per chi fa calcio ai massimi livelli.

Un’avventura iniziata quasi per gioco sui campetti dilettantistici della Liguria, partendo da una semplice videocamera e un pc portatile. Tanta polvere mangiata (letteralmente), le difficoltà iniziali nel costituire la società, le prime porte in faccia, i ricorrenti “chi ce lo ha fatto fare”?

Tempo qualche anno e, come nelle migliori storie di startup di successo, arriva la svolta, con i primi finanziamenti vinti e l’interessamento del Gozzi di cui sopra, in cui intervento ha reso WyScout un’azienda in tutto e per tutto. I costi per un utente vanno da una base di 10 euro al mese fino a 5000 euro mensili dei grandi club. WyScout per sua natura non si ferma mai ed è costantemente attiva non solo nella produzione dei contenuti, ma anche nello sviluppo e implementazione della piattaforma software e dell’applicazione mobile.

Sulle orme di WyScout

Nel centro di Chiavari, a pochi metri dalla sede di Wyscout, con un investimento da 600 mila euro l’edificio ottocentesco in disuso di un ex liceo è diventato il Wylab, incubatore per startup sportive un centro di eccellenza per dare opportunità a nuove imprese di percorrere la strada di Wyscout. Affiancato da un’area coworking, per riunire nello stesso posto professionisti del digitale e favorire scambio di idee e di esperienze, senza dimenticare le risorse del territorio.

La procedura è comune a molti altri incubatori d’impresa: WyLab offre un programma di supporto che aiuta i nuovi imprenditori a sviluppare i loro prodotti e servizi. Come racconta Wired Italia, sono due le call previste per ogni anno in cui ogni startupper dovrà presentare le proprie idee in 20 minuti di pitch. Se i sostenitori di WyLab verranno convinti, gli assegneranno uno dei 26 eleganti spazi di lavoro. Il percorso di accelerazione dura 4 mesi ed è accompagnato dagli esperti messi a disposizione da WyLab. Alla fine del quadrimestre è previsto un esame: se verrà superato, la startup potrà rimanere un altro anno a Chiavari per preparare lo sbarco sul mercato grazie ai finanziamenti forniti in cambio di una quota di minoranza.

WyScout

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *