Playground d’arte: Campo Martires da Patria, Lisbona

Nell’estate 2019 un playground di Lisbona, capitale del Portogallo, si è arricchito di una coloratissima opera di street art realizzata da AkaCorleone.

Il luogo in questione è il Jardim Braancamp Freire, un angolo del grande Campo Martires da Patria, a nord del centro e non lontano dalla Avenida da Liberdade.

Qui, nel giro di nove giorni, lo street artist AkaCorleone, nickname di Pedro Campiche, graphic designer e illustratore nato a Lisbona nel 1985, ha realizzato uno dei suoi tripudi di forme e colori, dove il messaggio trasmesso si fonde a meraviglia con l’aspetto giocoso.

Il playground dell’equilibrio

Balance, “equilibrio”, è il titolo che AkaCorleone ha dato al suo lavoro: si fonda, infatti, sul dualismo perfetto tra due differenti punti di vista, visioni del mondo, concezioni della realtà, per dimostrare che tra forze diverse, in campo come nella vita, è possibile trovare unità e superare i contrasti, perché in fondo il mondo in cui viviamo è lo stesso per tutti.

Spiega l’artista: “La ricerca di un vero equilibrio, di un perfetto dualismo tra due persone, due squadre, due parti, due visioni, è sempre difficile da raggiungere ma è possibile. Il concetto che sta dietro questa opera è proprio questo: giocare con la nozione di dualismo, di due punti di vista contrastanti, due differenti orientamenti che sono però complementari l’uno con l’altro, come se fossero due versioni opposte della stessa realtà che invece va compresa come unica“.

Il progetto è stato realizzato in collaborazione con Underdogs Gallery nell’ambito dell’Underdogs Public Art Programme, in partnership con GAU – Galleria di Arte Urbana del Consiglio Municipale di Lisbona.

Una carta da gioco super colorata

La composizione del campetto di Lisbona, che si sviluppa sul rettangolo in senso longitudinale, richiama quella tipica speculare delle figure delle carte da gioco (Jack, Queen, King). Da una parte, c’è una figura femminile che regge in mano un globo terrestre stilizzato. Dall’altra, un uomo con baffi, cappello e occhiali, nella stessa posa.

Nel cerchio di centrocampo è inscritto un occhio, il cui iride è un pallone da basket. I colori scelti sono in prevalenza caldi (rosso, rosa, giallo), mentre il blu e il celeste sono concentrati soprattutto nella figura maschile. Il bianco, infine, è relegato a pochi dettagli, ma non è assenza di colore, bensì parte integrante dell’intensa palette cromatica adottata da AkaCorleone.

Da notare, infine, in un angolo il profilo di due elementi architettonici della città: il Castelo de Sao Jorge con i suoi merli, la cupola della chiesa di Santa Engracia e le case arroccate dell’antico quartiere di Alfama.

playground lisbona akacorleone
Foto da AkaCorleone.com

playground lisbona akacorleone

Condividi: