La stazione di Slam Dunk in Giappone

Avete presente la stazione di Slam Dunk, quella con il passaggio a livello che compare nella sigla iniziale dell’anime tratto dal manga di basket di Takehiko Inoue, in onda in Italia su MTV?

Ebbene, quell’angolo di Giappone esiste davvero. Si trova nella città di Kamakura, nella prefettura di Kanagawa. Quella che ha come capoluogo Yokohama, appena a sud di Tokyo. Metropoli fuse in una gigantesca conurbazione, che dalla capitale si estende fino alla baia di Sagami.

Proprio qui, lungo la costa dell’Oceano Pacifico, corre la Enoshima Electric Railway, nota anche come Enoden. Una delle sue stazioni è la Kamakurakoko-Mae: la stazione di Slam Dunk.

L’incontro di Hanamichi e Haruko

La stazione Kamakurakoko-Mae è diventata familiare ai fan di Slam Dunk: il passaggio a livello, che si trova a pochi metri di distanza, compare infatti nella sigla di apertura di ogni episodio, sulle note del brano Kimi ga suki da to sakebitai (“Vorrei gridare ti amo”).

Il protagonista Hanamichi Sakuragi, zainetto in spalla, attende il passaggio del treno per attraversare la strada. Non appena i verdi vagoni della Enoden sono transitati e le sbarre si alzano, dall’altra parte vede Haruko Akagi, anche lei in attesa, con due amiche. Haruko è la ragazza per cui Hanamichi ha una cotta: è per questo che decide di imparare a giocare a basket, dando un senso a un’adolescenza senz’arte né parte, trascorsa fino a quel momento a fare il teppista con gli amici.

Sotto un sole splendente che brilla su un mare che più azzurro non si può, lei si accorge di lui e si scambiano un saluto, sorridendosi reciprocamente. Uno di quei saluti che come nient’altro sanno riempire il cuore di un adolescente innamorato. Quei sorrisi che ti danno la forza di andare avanti giorno dopo giorno tra scuola, sport, uscite con gli amici, ragazze, voglia di emergere dalla vita di periferia e tutti i problemi tipici dell’età.

Non è un caso che i punti di forza di Slam Dunk siano un buon realismo narrativo e personaggi ben costruiti, grazie a cui questo manga ha contribuito ad accrescere notevolmente la pallacanestro in Giappone e nel mondo.

La stazione si trova vicino alla Kamakura High School: il suo nome significa letteralmente “davanti al liceo di Kamakura“. Nell’anime, però, la palestra di quella scuola superiore è stata presa come modello per disegnare il campo del liceo Ryonan, rivale dello Shohoku dove giocano Hanamichi e compagni.

Kamakurakoko-Mae: storia e curiosità

la stazione di slam dunk

La densità abitativa e la frenetica vita metropolitana sono aspetti ben noti del Giappone. Tuttavia il grigio dei palazzi e lo sfrecciare dei mezzi di trasporto sono ben alternati a una forte presenza della natura e a serene zone residenziali servite da tranquille ferrovie.

La Enoshima Electric Railway è una di queste: un breve tragitto percorso da convogli piuttosto lenti, lungo il quale godersi il panorama della baia di Sagami. Ci vogliono ben 34 minuti per compiere l’intera linea, attraverso la zona costiera di Shonan, lunga appena 10 chilometri tra il capolinea di Kamakura e quello di Fujisawa. Numerose sono le fermate e una di queste è la Kamakurakoko-Mae: una volta scesi qui, basta percorrere pochi metri e ci si trova al passaggio a livello immortalato da Slam Dunk.

La stazione Kamakurakoko-Mae è stata aperta nel 1903. Il suo originario nome era Hisaka e fu cambiato nel 1953.  La linea ferroviaria, a binario singolo, corre parallela alla strada 134 e percorrendola si può godere di una splendida vista dell’oceano, della vicina isola di Enoshima collegata alla terraferma da un ponte artificiale e, quando le giornate sono limpide, del Monte Fuji.

 

Condividi: